Come Vincere Sempre Una Discussione

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

L'arte retorica della persuasione è un insieme sottile e molto utile di abilità da padroneggiare. Che ti piaccia dibattere per divertimento o se sei tuo malgrado continuamente coinvolto in discussioni complicate, queste linee guida ti aiuteranno a negoziare e a convincere il tuo avversario che la ragione è dalla tua parte.

Metodo 1 di 4:
Parte 1: Scegliere il Tuo Argomento

  1. 1
    Raccogli i motivi per cui una particolare affermazione può essere vera oppure no. Relativamente a qualsiasi argomento specifico, che sia stato tu a sceglierlo, che ti sia stato assegnato, o che semplicemente ti senti in dovere di discutere, per nessun motivo in particolare, genera quante più affermazioni puoi, sia a favore sia contro. Prima o poi avrai una discussione complicata e abbastanza dettagliata su un argomento. Per essere pronto, devi avere una idea ben chiara al riguardo.
    • Mettiamo per esempio che tu stia discutendo con qualcuno la questione generale del controllo delle armi. Il punto principale della discussione sarà se sei "contro" o "a favore" di una politica di controllo delle armi, ma in realtà la questione è molto più complicata di questo. Prima di decidere da che parte stai, comincia a farti delle domande più approfondite per restringere la questione in modo che tu sia forzato a definirne i termini.
    • Cosa si intende per "controllo delle armi"? Qual è lo scopo dell'argomento, legalmente e geograficamente? Cosa significa esserne "a favore"? Cosa significherebbe essere "contro"? Perché qualcuno potrebbe essere a favore? Perché qualcuno potrebbe essere contro?
  2. 2
    Inizia ad avvalorare le diverse posizioni con delle prove. Ma, aspetta — potresti chiederti: Perché cercare le prove a favore di una posizione che magari non appoggerai mai? Cercare prove a sostegno di entrambe le posizioni è parte integrante della comprensione, della costruzione e dell'eventuale spiegazione dell'argomentazione, indipendentemente da quale "parte" tu intenda sostenere. A questo punto consideralo più un argomento di ricerca anziché un modo per creare una discussione.
    • Mettiamo che tu stia avendo una discussione con i tuoi genitori riguardo il tuo coprifuoco e una delle ragioni che hai trovato a favore di un coprifuoco di buon'ora implica il riposare a sufficienza. I tuoi genitori credono che tu abbia bisogno di un riposo sufficiente ogni notte per garantirti una buona salute fisica e tornare a casa presto ti permette di riposarti abbastanza. In questo caso, potrebbe essere una buona idea quella di cercare le statistiche su quante ore di sonno un persona della tua età ha effettivamente bisogno di dormire e altri dati sugli effetti sociali e psicologici del dover tornare a casa troppo presto.
    • Potrebbe essere d'aiuto preparare degli appunti su dei bigliettini per questo processo, se stai discutendo in modo formale. Sul fronte, scrivi ogni ragionamento a sostegno: "Un coprifuoco anticipato assicura una buona notte di sonno". Sul retro del biglietto, scrivi i riferimenti alle prove che hai raccolto.
  3. 3
    Impara a chiederti "Perché" e "Come?". Per ogni affermazione che generi a sostegno o contro una determinata tesi, qualificala chiedendoti perché e come quell'affermazione funziona. Perché il Secondo Emendamento della Costituzione Statunitense garantisce il diritto di possedere un'arma? Come opera oggi? Perché è una considerazione importante?
    • Le risposte a queste domande dovrebbero essere usate per aggiungere complessità al tuo argomento: "Mentre un coprifuoco anticipato assicura una sana quantità di riposo, l'impatto negativo sullo sviluppo sociale del ragazzo supera l'impatto fisico del dormire".
  4. 4
    Valuta le ragioni. Alcune ragioni sono "meglio" di altre. "Il controllo delle armi va contro il Secondo Emendamento Statunitense che garantisce il diritto di possedere armi" è un esempio migliore di "il controllo delle armi mi impedisce di divertirmi con il mio AK-47", perché il primo si riferisce a diritti universali articolati in documenti legali mentre il secondo è impossibile da quantificare o valutare oggettivamente. Chiedere il "Perché?" della seconda affermazione non porta da nessuna parte e l'argomentazione sostenuta in questo modo cadrà in fretta.
    • Ordina i biglietti in ordine di qualità dei ragionamenti. Metti le migliori argomentazioni in prima fila e quelli peggiori in fondo. Quanti di questi definiresti "buone" ragioni? Quanti sembrano fare acqua?
    Pubblicità

Metodo 2 di 4:
Parte 2: Strutturare la Tua Argomentazione

  1. 1
    Sviluppa le tue ragioni in una argomentazione. Quando hai una buona lista di ragionamenti e prove, e hai usato quelle prove per qualificare le tue affermazioni, restringendole a un solo argomento, puoi iniziare a selezionare le ragioni più forti e ad organizzarle in un'argomentazione.
    • Una buona regola è quella di fermarsi a tre punti principali, ma non c'è una legge sacra che ti impedisce di averne di più. Scegli i pezzi di ragionamento più forti che hai. Se ne hai cinque, cinque siano. La tua argomentazione sarà più forte.
  2. 2
    Qualifica ogni affermazione con dati, garanzie, e sostegni. Il filosofo britannico Stephen Toulmin sosteneva che tutte le buone argomentazioni sono fatte offrendo dati, che sono la prova effettiva che supporta l'affermazione che si sta facendo ("I ragazzi tra i 16 e i 18 anni hanno bisogno solo di 6 ore di sonno per mantenere un sano funzionamento del corpo").
    • Quel che chiama "garanzia" è la connessione logica tra i dati e l'affermazione che si sta facendo ("Quindi, come potete vedere, un coprifuoco anticipato impedisce inutilmente lo sviluppo sociale"); le garanzie dovrebbero essere espresse chiaramente per ciascuna affermazione.
    • Il "sostegno" si riferisce invece alla supposizione fatta dalla garanzia ("Un coprifuoco tardivo assicura lo sviluppo sociale").
  3. 3
    Discuti i contro-argomenti e le contestazioni. Ora è la tua occasione di presentare tutta la ricerca che hai fatto in precedenza, familiarizzando con le argomentazioni di entrambe le parti. Se hai fatto la ricerca dalla prospettiva della persona con cui stai parlando, sarai in grado di introdurre la sua argomentazione prima che lo faccia lei e in questo modo rafforzerai la tua, impedendo all'altra parte di segnare dei punti.
    • "Ora, potremmo dire che le interazioni sociali non importano tanto quanto dormire a sufficienza. Che posso socializzare quanto voglio a scuola. Ma, come potete vedere, i fatti semplicemente non combaciano...".
  4. 4
    Concludi la tua argomentazione esponendo le implicazioni del tuo ragionamento in un'azione. Ponendoti sempre più domande sulle tue ragioni, ti avvicinerai sempre più a un'argomentazione vincente che puoi riassumere dopo aver presentato tutti i tuoi buoni ragionamenti e le prove: "È vero che ho bisogno di dormire. Ma le restrizioni ingiuste e lo strangolamento sociale che risultano da un coprifuoco troppo anticipato sono sproporzionati rispetto alla quantità di sonno di cui ho bisogno".
    Pubblicità

Metodo 3 di 4:
Parte 3: Attaccare la loro Argomentazione

  1. 1
    Identifica gli errori logici nell'argomentazione dei tuoi rivali. Un errore logico è un difetto nel ragionamento che viene comunemente usato per far apparire più forti le argomentazioni deboli. Studiale e impara a riconoscerle in fretta, e sarai in grado di smantellare le argomentazioni deboli con più facilità. Impara tu stesso a evitarle, perché possono indebolire la tua argomentazione. Ecco alcuni esempi di errori comuni:
    • La falsità "diversivo" implica la rappresentazione erronea dell'argomentazione di qualcun altro per indebolirla: "Se sei a favore di coprifuochi troppo anticipati immagino che tu sia a favore anche del togliermi tutti i video giochi e di mandarmi a un campo di rieducazione fascista".
    • L'attacco "ad hominem" comporta l'aggredire i tuoi rivali personalmente per indebolire la loro argomentazione: "Papà non ha amici. Perché dobbiamo ascoltare cosa pensa dell'uscire con gli amici?".
    • La "pendenza scivolosa" è relativa al basare la tua argomentazione su una falsa relazione di causa ed effetto: "Oggi devo essere a casa per le 9, la prossima volta non potrò nemmeno mangiare patatine al bar".
    • L'errore empirico usa un singolo aneddoto come prova di una politica universale: "Stefano può stare fuori fino a mezzanotte".
  2. 2
    Attacca il loro ragionamento. Ora che hai pianificato e presentato il tuo caso, puoi fare molto per creare delle falle nelle argomentazioni dell'opposizione. Ricordati quando cercavi di sviluppare la tua argomentazione, chiedendoti "Come?" e "Perché?" per individuare i punti deboli di una particolare affermazione. Fai lo stesso con i tuoi rivali. Se non hanno pensato a queste cose prima, come invece hai fatto tu, ti troverai in vantaggio.
  3. 3
    Recita la parte di Socrate. Socrate era un esperto nel condurre una conversazione, da semplici alterchi alla dissertazione su complicate aree grigie, ponendo delle domande inquisitorie. Porre domande di cui tu sai già la risposta è un buon modo per segnare punti: "Quindi secondo voi costringendomi a tornare a casa presto andrò a dormire prima? Perché? Se sono a casa vuol dire che dormo?".
  4. 4
    Identifica i loro punti deboli e fingi di non sapere, chiedendo chiarimenti. Se sembra che non abbiano preparato delle statistiche a sostegno di una questione particolare, chiedi se hanno delle prove a supporto di una determinata affermazione.
    Pubblicità

Metodo 4 di 4:
Parte 4: Modellare la Tua Argomentazione

  1. 1
    Scegli uno stile di presentazione in base alla tua argomentazione e al tuo pubblico. Nell'antico testo sulla Retorica, Aristotele descrive i tre componenti del ragionamento: Pathos, Ethos e Logos.
    • La persuasione basata sul pathos mira alle emozioni. Se riesci a fare in modo che il tuo avversario si identifichi nella tua argomentazione, si romperà la sua sicurezza nella propria argomentazione e inizierà a simpatizzare per la tua.
    • La persuasione basata sul logos mira alla logica e ai fatti. Se stai discutendo su qualcosa che puoi quantificare in numeri, tipo il "miglior" goleador di tutti i tempi, l'uso di statistiche è un elemento importante della tua argomentazione. Un appello emotivo a favore di un giocatore sulla base del fatto che era il padre migliore o più caritatevole, non porterà molta acqua al tuo mulino.
    • La persuasione basata sull'ethos sfrutta una posizione di esperienza o di semplice credibilità. La parola significa letteralmente "carattere". Qualcuno con un tatuaggio potrebbe non necessariamente essere un esperto in tattoo, ma è oggettivamente più "qualificato" di altri per darti dei consigli al riguardo. Puoi usare ciò a tuo vantaggio collegandoti all'argomento in oggetto: "Come ex militare ed esperto di armi, posso dirti che la sicurezza nell'uso delle armi è una qualità che tutti possono apprendere".
  2. 2
    Mantieni la calma. Quando discuti, mantieni la calma e presenta la tua argomentazione in modo organizzato. Quando la parte opposta solleva un punto, rispondi sempre con qualcosa di pertinente a sostegno della tua tesi.
  3. 3
    Evita la compiacenza. Permetti alla parte opposta di finire di parlare e falle sapere che stai ascoltando quello che sta dicendo. Quando parli e il tuo opponente cerca di interferire, finisci il tuo punto senza alzare la voce o parlare più velocemente, ma psrla in maniera decisa.
    • Se l'altra parte non smette di parlare e cerca di far valere il suo punto di vista senza darti spazio, con calma fai notare che tu hai avuto la cortesia di lasciargli finire le proprie frasi e che vorresti essere trattato allo stesso modo. In questo modo apparirai come la parte più educata e matura e questo spesso aiuta a vincere una discussione.
  4. 4
    Perdi con grazia. Riconosci subito gli errori nel tuo ragionamento o i punti deboli della tua argomentazione e spostati su altre cose. Impara a identificare in fretta il terreno perso e a spostarti su punti più forti. Stai concentrato sulla immagine nel suo complesso e non lasciarti trascinare in piccole schermaglie.
    Pubblicità

Consigli

  • Usare tattiche 'infantili', tipo urlare "Stai zitto", non farà che abbassare la credibilità della tua argomentazione. Sarà certamente a detrimento della tua causa.
  • A volte è meglio essere parzialmente d'accordo con il tuo avversario. Trova un punto su cui la pensate entrambi allo stesso modo. Per esempio, "Sono d'accordo con quel che pensi riguardo a X, tuttavia, penso che tu non capisca Y". In questo modo il tuo avversario sarà più disposto a farsi convincere. Ma non fare l'errore di condividere troppe cose con lui.
  • Se ti ritrovi in condizione di stallo, chiudi la conversazione con delle domande significative prima di andartene, lascia l'avversario a riflettere e a convincersi che ha torto, e rimanda le conclusioni a più tardi, lasciandoti la porta aperta alla vittoria.
  • Cerca di non usare "parole evasive", tipo: potrebbe, magari, dovrebbe, forse. Queste parole lasciano aperto un ampio buco nella tua argomentazione. Altri esempi includono frasi tipo "Una crescente quantità di prove dimostra che ..." (Questo non prova niente), "Secondo i critici..." (Quali critici, quali sono le loro credenziali?), "Ho sentito che..." (Chi te l'ha detto, dov'è la fonte?). A volte l'uso di queste espressioni è inevitabile, ma cerca di essere specifico più che puoi.
Pubblicità

Avvertenze

  • Sappi quando fermarti. Se hai successo nel far arrabbiare l'altra persona, non significa che hai vinto la discussione, ma solo che hai dato inizio a un litigio.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.
Categorie: Comunicazione

Hai trovato utile questo articolo?

No
Pubblicità